Rifugio Murelli     
 
Il rifugio Murelli è situato sulla Via dei Monti Lariani, in posizione panoramica sul sottostante lago di Como. 
Nell'ottobre del 1999 subì un grave incendio che distrusse completamente il tetto e causò altri gravi danni, ora completamente ristrutturato  e aperto al pubblico tutti i fine settimana e durante i periodi festvi.  
Gestito dal  Club Alpino Italiano Sezione Moltrasio e-mail: cai.moltrasio@tiscali.it 
Per prenotazioni o informazioni contattare : 
Sig.  Gege   338/8241727 
Sig.  Carlo   333/2133112 
Ecco i due principali itinerari per poterlo raggiungere: 
Primo Itinerario: da Cernobbio 
Dal Centro di Cernobbio (Como) prendiamo la strada che, passando per Rovenna, sale al Bisbino. Dopo 14 chilometri troviamo sulla destra la stradina che porta alla Ca Bossi, punto di partenza della nostra escursione. Siamo all'Alpe Piella (m. 1188). Le possibilità di parcheggio sono assai scarse; possiamo provare al tornante successivo o, volendo faticare un poco di più, lasciare l'auto un chilometro e mezzo prima, quando si incontra una ripida mulattiera che in 15 minuti conduce alla Ca Bossi. Anche in questo caso però c'è pochissimo spazio per la nostra vettura. Ci incamminiamo sulla stradina in discesa verso il cancello dell' ex Istituto dei Padri Somaschi -Ca Bossi- e proseguiamo sulla destra aggirando la costruzione. Incontriamo la mulattiera di cui sopra che sale da destra e arriviamo ad un trivio. Lasciamo la sterrata sulla sinistra (percorso più lungo e adatto ad un fuoristrada), e quello sulla destra chiuso da una sbarra verde, e prendiamo quello in mezzo. Procediamo in leggera discesa tra le betulle.Un segnavia con il numero 1 in campo biancorosso ci indica che siamo sulla via dei monti lariani. Dopo aver superato un bivio, ignorando una stradina chiusa da una sbarra che sale a destra, il percorso si restringe e si trasforma in sentiero. Scendiamo nel bosco verso una casa bianca dove ritroviamo la sterrata e procediamo verso destra in piano. Poco più avanti arriviamo al rifugio Bugone (m. 1111). Un segnavia ci indica il rifugio Murelli a 45 minuti. Lasciamo la stradina che scende sulla sinistra e proseguiamo contornando l'edificio del Bugone. Attraversiamo ora una bella faggeta camminando quasi in piano. Gli unici due punti in lieve pendenza hanno il fondo cementato. Ad un bivio ignoriamo il percorso che, sulla destra, conduce ad una casa bianca, così come, poco dopo, un'altro che ridiscende dalla stessa. Siamo ormai arrivati in località Foo Storc (m. 1150) dove troviamo alcune vecchie baite in posizione panoramica sul sottostante lago di Como. Successivamente superiamo due tavoloni con panche e proseguiamo sempre all'ombra del bosco. Un tratto in lieve salita ci conduce al rifugio Murelli. Come abbiamo visto si tratta di una camminata prevalentemente in piano con brevi saliscendi. 
Tempo impiegato: Ca Bossi/Bugone: 0.30 + Bugone/Murelli: 0.45 = Complessive ore 1.15 
 
Secondo Itinerario: da Argegno 
Lasciamo la statale 340 Regina all'inizio di Argegno (Como) per deviare a sinistra ed imboccare la provinciale 13 Erbonne, che sale verso le varie frazioni di Schignano. Giunti a Retegno prendiamo a sinistra Via Rosa del Sasso (cartello indicatore: rifugio  Prabello) e procedendo con questa stretta stradina superiamo alcune frazioni ed arriviamo a Posa. Verso la fine dell'abitato troviamo, ben segnalato, l'inizio del nostro percorso (m. 836); un cartello infatti indica la Via delle Alpi: il Sasso Gordona a ore 2.10 e la Colma della Crocetta a ore 1.10.Ci incamminiamo in questa direzione e dopo aver superato l'acquedotto e alcune case, iniziamo a salire ripidamente nel bosco. Ad una svolta superiamo un ruscello su di un ponte e poi arriviamo ad un breve tratto in piano dove ignoriamo la stradina sulla sinistra. Poco oltre siamo ad un altro bivio ove troviamo l'indicazione del rifugio Binate a sinistra, mentre dall'altra parte si va in 20 minuti all'Alpe Fontanella.Riprendiamo la nostra salita e subito trascuriamo la deviazione a sinistra che va verso un agriturismo. Superata una curva ci appare il Sasso Gordona (m. 1410). Poi, in località Treviglio (m. 1058), la stradina si restringe, passando accanto ad una bella baita di pietra e, al successivo bivio, voltiamo a sinistra seguendo le indicazioni (Colma di Binate) mentre a destra si va al rifugio  Prabello in ore 0.45 o al Sasso Gordona. Continuiamo, sempre in salita, fino a giungere alla Colma (m. 1131): la parte più faticosa della nostra escursione è terminata. Ignorato il sentiero che, sulla destra, conduce al rifugio Prabello, procediamo quasi in piano, sulla sinistra, verso il già visibile rifugio Binate. Superiamo alcuni ruderi di baite e un'area con tavoloni e panche in legno. Il Sasso Gordona è ora alle nostre spalle. Dopo essere passati tra una vecchia baita e due grossi alberi, il percorso riprende dolcemente a salire ed in breve arriviamo al Binate (m. 1200). Altre il rifugio proseguiamo nel bosco alternando due tratti in piano ad altrettanti in salita fino ad arrivare alla Colma (m. 1250). La stradina ora scende sulla sinistra verso il già visibile rifugio Murelli. Il primo tratto è asfaltato e termina quando incontriamo sulla destra la deviazione, chiusa da una sbarra, per l'Alpe San Bernardo. Ora in piano e dopo aver ignorato una deviazione in discesa sulla destra, arriviamo al rifugio Murelli. 
Tempo impiegato: Posa/Binate: 1.00 + Binate/Murelli: 0.35 = Complessive ore 1.35  
ESCURSIONI PARTENDO DAL RIFUGIO:  
  • alla vetta del Bisbino (m. 1325) in ore 1.15  
  • al Rifugio Bugone  (m. 1111) in ore 0.40  
  • al Monte S. Bernardo (m. 1351) in ore 0.20  
  • al Monte Colmegnone (m. 1383) in ore 0.40  
  • al Rifugio Binate (m. 1200) in ore 0.40  
  • al Sasso Gordona (m. 1410) in ore 1.30  
  • al Rifugio Prabello (m. 1200) in ore 1.30  
  •